Dinastia Sui e unificazione

Buddhismo e Dinastia SuiIl periodo della dinastia Sui (581-618) fu di breve durata, ciò nonostante essa giocò un ruolo di primaria importanza nella storia della Cina e fu in grado di unificare nuovamente il paese, ponendo fine a quasi quattro secoli di divisioni e lotte intestine. Come accadde già per i loro predecessori della dinastia Qin, anche i Sui passarono alla storia come una dinastia sanguinaria e crudele per via dei mezzi violenti con cui si imposero e con cui attuarono le loro riforme. Nonostante ciò, gli storici concordano oggi sul bisogno di rivedere questi giudizi e di rivalutare appieno le numerose opere e riforme che si devono a questa dinastia e che furono di primaria importanza per il successivo sviluppo della Cina.

L’imperatore Wen (o Wendi) fu il fondatore della dinastia Sui: quando nel 580 si appropriò a forza del trono proclamandosi imperatore, uno dei suoi primi provvedimenti fu quello di eliminare 59 principi reali per limitare il rischio di insurrezioni e di competizione per il trono. Nonostante questi macabri inizi, Wendi passò alla storia come “l’imperatore colto”: abolì immediatamente le leggi emanate dalla dinastia precedente che discriminavano l’etnia Han, conquistandosi così il favore dei confuciani ed iniziò una serie di riforme volte a rafforzare la Cina per prepararla a fronteggiare la guerra che avrebbe portato alla riunificazione.

Tra le opere più imponenti che furono portate a termine durante il suo regno figura il Canale Imperiale che costituisce ancor oggi il più lungo canale artificiale del mondo e che si estende per circa 1,800 kilometri, collegando Pechino alla città di Hangzhou. Wendi inoltre attuò il sistema di equalizzazione delle terre che, come già accadde durante la dinastia Han, era disegnato per ridurre la disparità tra ricchi e poveri e stimolare la produttività agricola; istituì nuovi organi statali per centralizzare il potere ed emanò leggi per la standardizzazione e unificazione del conio. Venne fortificato anche il sistema difensivo e la Grande Muraglia fu ristrutturata ed ampliata.

La dinastia Sui fu anche sostenitrice del Buddhismo che veniva visto come un elemento unificante per la popolazione ed una consolazione in anni così profondamente frustrati da continui conflitti. Venne promossa la sua diffusione nel regno, lo stesso imperatore Wen si convertì e si presentò come il monarca che avrebbe difeso la fede con le armi. Gli storici concordano nell’identificare il collasso definitivo della dinastia Sui nelle guerre Goguriyeo: questo era uno dei tre regni della Corea contro cui i Sui organizzarono una serie di imponenti spedizioni militari, promulgando la coscrizione volontaria, assumendo mercenari ed investendo in esse tutto quanto era rimasto nelle casse dello Stato. Nonostante questi sforzi, tutte e quattro le campagne militari risultarono in una terribile sconfitta. Il popolo cinese, vessato da tasse, obblighi militari e povertà insorse in massa provocando la fine della dinastia Sui e precipitando il paese in nuovi disordini.

Ultimi articoli

Argomenti correlati

Argomenti più letti

Voli economici per la Polonia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...